• Prezzo
    da € 31.950
    a € 52.400
    Confronta
  • Lunghezza
    da 450 cm
    a 451 cm
  • Larghezza
    187 cm
  • Altezza
    165 cm
  • Posti
    5
  • Bagagliaio
    da 546 dm3
    a 1.795 dm3
  • Massa
    da 1.538 kg
    a 1.893 kg

Perchè comprarlo

Il massimo del SUV entro i 4,5 metri secondo Hyundai. In un segmento difficile e combattuto la casa coreana propone questo veicolo di stile marcato, con cui si ha immagine propria ma non estroversa, che combina solidità e grinta senza eccessi. Una scelta di gusto quasi modaiolo esternamente, ma di razionalità per la tecnica: moderna e coerente al target (crescente per Hyundai negli ultimi anni) con prestazioni poco oltre la media, buono spazio (baule da 513 litri) e comodità sufficiente per i cinque possibili occupanti. La guida offre feeling abbastanza diretto, confortevole, sicura e ben assistita volendo, ma non ci si corre e quindi non si esagera, nemmeno con il lusso esibito per gli interni mentre tra i plus, oltre a look e rapporto qualità prezzo, anche i cinque anni di garanzia, senza limiti di percorrenza.
Pubblicità
Ultimi video sulla Hyundai Tucson
7.5
Valutazione
AutoMoto.it
Ce l’hai? Vota subito
  • Rispetto al fratello maggiore Santa Fe qui non mancano le scelte per gusto di motorizzazione: sempre Euro6, sono due i benzina e tre i diesel, con la trazione integrale sposata solo ai più spinti 1.6 T-GDI e 2.0 CRDi. Volendo disponibile anche il cambio DCT a sette rapporti che porta in dote due modalità guida (non solo di cambiata, ma di tutti i sistemi) pur non essendo a target sportivo. Se l’uso è quello prioritariamente da manto asfaltato magari urbano, gli italiani preferiscono il più pacato 1.7 diesel con trazione anteriore e convenienza ben maggiore, anche se le piene doti di trazione (al posteriore quando serve) e gratificazione, vanno accoppiate al top di gamma, non pienamente popolare in quanto a prezzo. Tre gli allestimenti, integrabili con vari pacchetti dal costo relativamente contenuto, quello base pur conveniente non include il cruise control e gli utili sensori parcheggio. In ogni caso buona la varietà di colori, sia per carrozzeria (undici) che per interni.
  • Nettamente più diffuso in Italia nelle sue versioni a gasolio (in rapporto circa 5:1 sui benzina, a trend crescente nonostante le applicazioni GPL), Tucson si distingue per buona commerciabilità pur con quotazioni in netta discesa per i modelli più datati delle serie precedenti. La prima generazione, oggi meno raffinata rispetto a un segmento che si rinnova rapidamente su tutti i fronti, permette discreti affari se non si abbiano pretese elevate, mentre con la seconda si è dei cosiddetti fast-follower rispetto ai leader di riferimento sapendo che l’affidabilità non manca. Con le versioni più evolute anche Hyundai vincola le procedure di manutenzione straordinaria (abbastanza rara) dei propri sistemi alla rete ufficiale.
  • Modello dal nome ispirato alla cittadina sita in Arizona, debutta nel 2004 con buon successo sui vari mercati globali, America inclusa, proponendosi come SUV compatto, solido e conveniente. Ha un veicolo gemello a marchio Kia, ovvero la seconda generazione Sportage. Entrambi sono privi di doti tecniche “di frontiera” e hanno trazione integrale implementata su pianale condiviso con altre vetture del gruppo coreano, come Elantra, ciononostante lo stile viene apprezzato e premiato, analogamente al fratello maggiore Santa Fe, cui rassomiglia. Le motorizzazioni sono benzina quattro oppure sei cilindri e diesel, ordinarie, addirittura inizialmente un po’ blande per il segmento di appartenenza, rinvigorite poi con il passare degli anni. La seconda generazione (LM) è datata 2009 e compie un salto in avanti su tutti i fronti, non ultimo quello stilistico curato con ottica e anche supporto progettuale, verso l’Europa. Proprio nel vecchio continente il nome cambia in iX35, contrariamente agli USA dove prosegue la tradizione. Le motorizzazioni si ammodernano e provano la strada del downsizing con il debutto di un benzina 1.6 sovralimentato, mentre i sistemi elettronici crescono avvicinandosi alla fascia più alta del segmento. Dal 2015 è in commercio la terza generazione, globalmente identificata Tucson. F-CEV la versione ecologica, vista solo a livello di prototipo, con celle combustibile a idrogeno per una propulsione elettrica da 80 kW. Per il modello ora in vendita sono invece state presentate, ancora in fase di sviluppo, due versioni ibride (una plug-in) che si combinano ai quattro cilindri diesel. In funzione del mercato di sbocco il nome Tucson è stato talvolta corretto o cambiato (conosciuto in Asia anche come JM, o Tucson iX) mantenendo la medesima sostanza.
  • Marca Hyundai
    Modello Tucson
    Segmento Suv e Fuoristrada
    Inizio produzione 2004
    Prezzo da 31.950 € a 52.400 €
    Massa da 1.538 kg a 1.893 kg
    Lunghezza da 450 cm a 451 cm
    Larghezza 187 cm
    Altezza 165 cm
    Bagagliaio da 546 dm3 a 1.795 dm3
Pubblicità