• Prezzo
    da € 26.750
    a € 35.800
    Confronta
  • Lunghezza
    464 cm
  • Larghezza
    180 cm
  • Altezza
    da 144 cm
    a 145 cm
  • Posti
    5
  • Bagagliaio
    da 620 dm3
    a 800 dm3
  • Massa
    da 1.322 kg
    a 1.501 kg

Perchè comprarla

ST è la familiare della gamma Leon, dalle linee moderne con taglio lievemente spigoloso e grinta, ma dai toni globali molto più raffinati che in passato. Dopo il recente restyling è una vettura di valido equilibrio generale, in seno al proprio segmento. Con ingombri e volumi nella media, non le mancano capacità di carico per il baule, qualità e finiture di buon livello all’interno, come nemmeno prestazioni e validi sistemi per la sicurezza, condivisi con il gruppo VW. Al volante la guida è dinamica e abbastanza precisa, pur senza rinunce al comfort, che ci sono solo per le versioni più cattive e rigide. L’immagine è abbastanza giovanile sia fuori sia dentro, dove non si trovano lusso e morbidezze particolari ma piuttosto razionalità e toni volendo abbastanza grintosi. Il rapporto qualità prezzo è interessante.
Pubblicità
Ultimi video sulla SEAT Leon ST
7.0
Valutazione
AutoMoto.it
Ce l’hai? Vota subito
  • Moderne le motorizzazioni, che per i benzina partono dal 1200cc TSI, fino al potente 2000 TSI dal moderno impianto a doppia iniezione. Il 1400 è disponibile anche con doppia alimentazione, a metano, pagando un discreto delta prezzo. Due le cilindrate, declinate in varie potenze, per i diesel, con il 1600 TDI 105CV buon compromesso pensando a un uso per ambito familiare. Si tratta in ogni caso di motori interessanti e dal buon rendimento in ognuna delle quattordici possibilità attuali (sei benzina, un metano e sette diesel). Quattro gli allestimenti principali, dove tra le possibili dotazioni interessanti, molte incluse nel top di gamma, oltre il sempre valido cambio DSG (incide circa 1500 euro sul listino) e gli importanti ausili di sicurezza City Emergency Break più adaptive cruise control, troviamo: un buon sistema Infotainment con Easy Connect, i fari full led e tanti piccoli aiuti alla guida. Con la Cupra si ha il meglio di dotazione e il massimo di prestazione, sconfinando per prezzo e contenuti verso un segmento quasi superiore. Non le mancano sospensioni posteriori indipendenti, materiali davvero sportivi e tanta grinta percepita nelle finiture. Le prestazioni sono variabili su tre livelli con il Drive Profile. Se non si ami faticare nelle manovre strette, è da considerare l’assistenza parcheggio, causa visibilità posteriore non eccelsa. Attesa al debutto la versione X-perience con trazione integrale, telaio rialzato e protezioni carrozzeria: è realizzata sulla base della ST includendo gli ottimi sistemi “di famiglia” per andare sui fondi difficili.
  • La prima serie Leon, parente della Golf4, è oggi a quotazioni molto basse e ben gestibile nelle manutenzioni un po’ ovunque se serva. Né questa né le altre generazioni hanno genericamente manifestato criticità tecniche particolari, salvo un’adeguata verifica delle turbine per i motori più spinti e magari anche integrità generale delle Cupra o FR, spesso oggetto di tuning da parte della clientela più giovane. Nettamente più diffusa nelle motorizzazioni a gasolio, la Leon permette di compiere un buon affare in acquisto sulle versioni più recenti e dotate di motori che guardano ai consumi con più riguardo rispetto ai precedenti, penalizzate infatti le versioni estreme. La nuova generazione, pur allineata alle cugine del gruppo VW in tutto quanto sia importante, paga sempre una svalutazione leggermente superiore.
  • È relativamente giovane come vettura, la Leon, che nasce a fine 1998 quale costola della rinfoltita gamma spagnola, parallela alla berlina Toledo. Il primo modello, 1M realizzato su pianale PQ34 del gruppo VW, si fa notare per il taglio sportivo e condividendo le soluzioni della Golf4, punta a un target vicino a quello delle vetture “forti” del gruppo ma in cerca di più grinta, senza esagerare con i costi. Onesta per qualità e finiture, la vera grinta alla guida è in realtà solo parte di una certa fascia dei modelli Leon, quella con i potenti motori 1800 Turbo ad esempio, mentre da subito erano in gamma motorizzazioni benzina e gasolio più pacate. In breve si dispongono a listino anche modelli 4x4 e dalla forte ispirazione corsaiola, a richiamo delle gare, dove il marchio è presente: Cupra e FR. Nel 2005 la seconda generazione Leon, 1P, vede la firma del noto designer Da Silva e uno stile molto diverso, con tagli in parte netti e in parte tondeggianti, analogamente alla Seat Altea. La vettura, che condivide pianale e varie soluzioni con la Golf5, è ora dotata anche di piccoli motori TSI, ma non mancano versioni molto spinte a livello motoristico con le FR e Cupra, che condividono motorizzazioni TFSI della Golf GTI o della Audi S3. L’ultima e attuale generazione Leon, 5F su piattaforma MQB, è lievemente più piccola e leggera, ma molto ben dotata in quanto a sistemi sicurezza attiva e passiva, oltre che di infotainment. Prodotta inizialmente con tre oppure cinque porte, per il 2014 si sottopone a un restyling con l’aggiunta alla gamma del modello familiare ST e di quello orientato al fuoristrada, X-perience. Sono a oggi oltre 1,2 milioni le Leon prodotte.
  • Marca SEAT
    Modello Leon ST
    Segmento Station Wagon
    Inizio produzione 2013
    Prezzo da 26.750 € a 35.800 €
    Massa da 1.322 kg a 1.501 kg
    Lunghezza 464 cm
    Larghezza 180 cm
    Altezza da 144 cm a 145 cm
    Bagagliaio da 620 dm3 a 800 dm3
Pubblicità